Risvegli

Risvegli

DAL 28/09/2013
al 28/09/2013

Nel libro 1984 di George Orwell in appendice l'autore definisce che la “Neolingua” ufficiale di Oceania è necessaria per “venire incontro alle necessità ideologiche dello stato del Grande Fratello. Il fine della “Neolingua” -scrive Orwell- non era solo quello di favorire un mezzo di espressione per la concezione del mondo e per le abitudini mentali proprie dei seguaci, ma soprattutto quello di rendere impossibile ogni altra forma di pensiero. Era sottinteso come, una volta che la Neolingua fosse definitivamente adottata … un pensiero eretico sarebbe stato letteralmente impensabile, per quanto almeno il pensiero dipende dalla parola con cui è suscettibile essere espresso.. La Neolingua era intesa a non estendere, ma a diminuire le possibilità di pensiero;...... tutte le ambiguità e le sfumature di significato erano state completamente eliminate.. La speciale funzione di talune parole della Neolingua non consisteva tanto nell'esprimere significati, quanto di distruggerli”.

“risvegli” con Massimo Biagi in collaborazione con Fabuladanza, Giordano Pini, e Maurizio Pini, ha lo scopo di riuscire ad esprimersi con nuovi linguaggi e forme di comunicazione non convenzionali, di comprendere meglio le difficili cause di empasse culturale che stiamo vivendo.

Video